venerdì 24 ottobre 2014

I say a little prayer for you

[...] Chi vive semplicemente la propria vita, non vive. [...] Non bisogna solo vivere la vita, bisogna costantemente inventarla,e questo significa raccontare. [...] Scrivere è un lavoro solitario. Leggere è un lavoro solitario...
(P. Bichsel)

Ma cucinare?
Si cucina per amore, come atto di condivisione, per creare attimi di convivio.
Si cucina per ricacciare la solitudine.
E se cucinare è un arte, come il musicista si nasconde dietro il suo strumento, il pittore dietro la sua tela, il poeta dietro le sue rime...  il cuoco  si nasconde  dietro i suoi fornelli,  esprimendo se stesso nei piatti che prepara.


  Ed io, stasera dietro cosa mi nascondo?
Stasera comincia il nuovo  anno accademico Ute.
Ogni volta che comincia un nuovo corso, l'ansia mi fa visita: piacerò ai nuovi corsisti, un anno insieme li annoierò, sarò in grado di gestire la lezione?

Queste  e altre domande mi tormentano e se in altri corsi ho nascosto la mia "insicurezza" dietro 
i  fornelli,  manipolando  ingredieni, sbucciando  patate, offrendo "assaggi"...  stasera  mi vedo completamente nuda.

Tranquilli, ho già scelto cosa indossare!

Ma stasera non mi potrò nascondere dietro gli strumenti del mestiere, perchè quest'anno sarò meno cuoca e più docente, mi dicono che avrò un pubblico più numeroso e  come tutti i primi giorni di scuola sono emozionata!

Sento che aspettando l'ora della mia lezione, sarà una giornata lunga, meglio cominciare questa mattina con una golosa torta al cioccolato in compagnia di Aretha Franklin con uno dei miei brani preferiti 
"I say a little prayer for you"

 ingredienti:

300 g di farina autolievitante, 200 g di zucchero, 3 uova
100 g di burro, 200 g di latte, 200 g di cioccolato

lavorare lo zucchero con il burro, quando il composto è montato, aggiungere un uovo per volta. Unire il cioccolato fuso, la farina e il latte. Versare il composto nella teglia imburrata. Io per comodità, uso due teglie, cosi poi evito di tagliare la torta a metà per la farcitura.
Cuocere in forno caldo a 160°C per 30 min (se la teglia è unica, aumentare il tempo e cuocere per 50 min.)

per la farcitura: ganache al cioccolato
scaldare 220 g di panna, versare su 250 g di cioccolato, attendere qualche minuto ed emulsionare col minipimer, unire il urro e far riposare. Quindi montare in planetaria o con le apposite fruste.
da domani nella pagina L'italia del gusto... foto e curiosità sul corso!

baci Lizia


 

 

 

 



Nessun commento:

Posta un commento