domenica 30 novembre 2014

Franciacorta: una terra, un vino

Prosegue il nostro viaggio nell'Italia del gusto, la lezione di venerdi scorso ci ha portato in Lombardia, ed è proprio in un angolo di Lombardia tra Brescia e Bergamo, a sud del lago d'Iseo, che nasce un prodotto unico, che ha conquistato il mondo
 (... e anche me!)

Si chiama come il suo territorio, il re italiano del metodo classico.
Un privilegio, questo, che condivide con Champagne e Cava: "Franciacorta" e basta.

Il fenomeno "Franciacorta" nei primi anni sessanta, quando sulla scia di Guido Berlucchi, un primo gruppo di vignaioli ha sposato la scelta di produrre con metodo classico. Questi si sono riuniti in un Consorzio di tutela e hanno adottato un disciplinare unico di produzione.

Oggi, ogni bottiglia rappresenta la massima espressione del suo territorio: quel piccolo fazzoletto di terra a sud del lago d'Iseo. Qui, la geometria delle vigne è interotta da castelli ed abbazie medioevali, dalle sontuose ville nobiliari bresciane e dagli antichi borghi contadini.
 
Per scoprire il fascino di questa terra, l'ideale sarebbe seguire gli itenerari tracciati dalla strada del Franciacorta, per perdersi fra i borghi, per lasciarsi catturare dal fascino del paesaggio, per fermarsi nelle cantine a degustare i vini.

Bhè... io mentre scrivo sto degustando il mio preferito un ...... in fondo senza andare tanto lontano, ma qui a EssenzaNeroCafè a Cassano.

prosit

baci Lizia

Nessun commento:

Posta un commento