domenica 8 febbraio 2015

Frappe, cenci, bugie o chiacchiere?

Il nome come per molti dolci cambia da paese a paese, le ricette possono avere delle piccole varianti nelle dosi, anche le forme possono essere diverse, ma una cosa è certa e indiscutibile, tutte finiscono con un bel tuffo nell'olio bollente!
"Girò la testa e  i suoi occhi s'incontrarono con quelli di Pedro. In quel momento capì perfettamente ciò che prova una frittella quando entra a contatto con l'olio bollente" 
dolce come il cioccolato di Laura Esquivel

La ricetta 
  Ingredienti:

200 g di farina autolievitante, 30 g di zucchero a velo, 
20 g di burro, un tuorlo, 1 uovo intero, sale, buccia di limone, 
1 bacca di vaniglia, 1 cucchiaio di latte

 Impastare la farina con lo zuchero a velo, il tuorlo e l'uovo  sbattuti insieme, aggiungere un pizzico di sale e il latte, unire all'impasto il burro morbido e gli aromi: buccia di limone e vaniglia. Quando avremo ottenuto un impasto sodo farlo riposare per un paio d'ore in frigo... in realtà più riposa e meglio è!
Quindi stendere la pasta molto sottile, bucherellarla e tagliare a rombi o rettangoli utilizzando la rotella dentellata e... voilà, adesso non ci resta che tuffarle in olio extravergine d'oliva a 160°.
Quando avranno assunto un bel colore dorato è l'ora di scolarle, adagiarle su carta assorbente e prima di servirle di  cospargerle con zucchero a velo.

buona domenica di Carnevale...
da noi nel primo pomeriggio ci sarà la sfilata
 e noi corriamo a guardarla!
baci Lizia e Eleonora 

 

Nessun commento:

Posta un commento