lunedì 2 novembre 2015

Il dolce del giorno: la Kolba

Campo santo. 2 novembre. È  come se ci trovassimo qui per dovere, per smacchiare le coscienze, per allontanare i sensi di colpa. 
I passi di una signora rimbombano nel silenzio di un corridoio. La nonna ri-elenca con orgoglio  l'albero genealogico:lui è nonno Gennaro, qui c'è nonna Pasqua, ora andiamo a trovare  zia Concetta. 
Le feste sono un evidenziatore di quello che ci manca, 



di chi ci manca e noi ci aggrappiamo alle tradizioni come parassiti, per non affondare. 
Mi soffermo a  osservare. 
Leggo.
Vivrai per sempre nei nostri cuori, ti ricordano i tuoi cari, i tuoi cari. 
Ma quanto dura il per sempre?  
Per sempre. Nei nostri cuori. Nei nostri ricordi. Nei nostri pensieri. Nei rituali. 
Respiro il cielo. 
Forse il freddo ha reso pungenti anche le mie riflessioni. 
Forse basterebbe un po di sole.

Per la ricetta della Kolba: clicca qui

Nessun commento:

Posta un commento