giovedì 24 marzo 2016

I dolci di Pasqua

C'era una volta una sirena che si chiamava Partenope e amava vivere tra le bellezze del Golfo di Napoli e, a primavera, emergeva dalle acque per intonare canti d'amore e di gioia. Gli abitanti di quelle coste erano deliziati da quella voce soave e decisero un giorno di portarle un regalo speciale.
Scelsero le sette fanciulle più belle di Napoli ognuna delle quali recava un dono: c'era la farina che rappresentava la forza e la ricchezza del terreno di Napoli; la ricotta, omaggio dei pastori; le uova, simbolo di rinascita; il grano tenero bollito nel latte che sposava due regni della natura; l'acqua di fiori d'arancio simbolo dell'omaggio dei profumi della terra; le spezie da parte delle popolazioni più lontane e infine lo zucchero, per ricordare la meravigliosa dolcezza del canto della sirena. Commossa da tanta gentilezza Partenope invocò gli dei che per ringraziare i napoletani, mischiarono gli ingredienti in un unico dolce che ricordava la meraviglia e l'armonia del canto di Partenope: la pastiera!
Sono affascinata dalle leggende e dalle storie di cibo, storia e tradizione...
Mi piace giocare con gli ingredienti e fatto l'impasto della "pastiera", preparata la frolla mi sono detta "perchè non sperimentare?" Storia, tradizione che sposa l'innovazione dando vita a una serie di "pastiere diverse": il canto è lo stesso, l'abito cambia!

PASTIERA LIQUIDA 600 g di grano cotto da far bollire in 250 g di latte, quando freddo unire 500 g ricotta, 500 g di zucchero,           1 fialetta di aroma millefiori, vaniglia. Quando il composto è omogeneo, frullare e versare in un piatto fondo. Decorare con briciole di frolla, canditi e una spolverata di cannella



TORTINO DI PASTIERA Coppare la pasta frolla e infornare.
Cuocere per 10 min 300 g di grano cotto con 150 g di latte, una stacca di vaniglia e 20 g di burro, fino ad ottenere una crema consistente e omogenea, frullare quando freddo e unire 3 uova, la fialetta di fiori d'arancio e i canditi. Imburrarre 6 pirottini, versare il composto e cuocere per 45 min a 180°C
Servire il tortino sul biscotto, decorando con salsa alla fragola e fragole fresche.



PASTIERA AL CUCCHIAIO Unire al composto di "pastiera liquida" 300 g di panna montata e le gocce di cioccolato.
In un bicchiere adagiare delle fette di pandispagna inzuppato nel limoncello, versare la mousse e decorare con una fettina di pandispagna, ciliegine e canditi


YO-YO DI PASTIERA Versare il composto preparato per il tortino in una teglia rettangolare, livellare e infornare per 15 min. a 180°C.
Quando è freddo, coppare nella stessa misura dei biscotti di frolla e farcire con la "pastiera".
Un'idea simpatica per una "pastiera da passaggio" oppure servita al piatto con una pennellata di cioccolato fondente, e panna montata.



1 commento: