venerdì 1 aprile 2016

Cassata siciliana per un grosso grasso matrimonio greco

Famiglia e tradizioni ci segnano a vita, ci formano, ci fanno crescere. Rifugi dal frastuono del mondo, luoghi del dono, della ricezione, dell'accoglienza, della condivisione. Come si fa a non rimanere catturati dall' estrosità della famiglia Portokalos nel film "Il mio grosso grasso matrimonio greco" ?
Mentre noi vi proponiamo una deliziosa cassata siciliana, la stessa che la signora Miller prepara per la festa di presentazione, Francesca vi parla del film ...
In questo film del 2002 diretto da Joel Zwick e ispirato dalle vicende dell'attrice Nia Vardalos, il personaggio centrale non è stereotipicamente la protagonista, bensì le tradizioni, i colori e i sapori greci. Il film infatti non prevede un profilo psicologico della ragazza ma si concentra sul "contorno", ovvero sugli ideali e sui costumi di una grossa grassa famiglia greca residente a Chicago.

Toula Portokalos sta affrontando una prematura crisi di mezza età in quanto sembra che la sua vita sia piuttosto piatta e insoddisfacente, al contrario della sorella che si trova comodamente a suo agio nelle vesti di donna greca, rispecchiando perfettamente gli ideali familiari. Prova quindi a rinnegare le sue ingombranti origini: si veste, si trucca e si pettina come un'americana DOC ma alla fine tutto ciò che fa sembra sbagliato e in contrasto non solo con la volontà della famiglia ma soprattutto con sè stessa, il suo nome e i propri principi. Le cose andranno a complicarsi in maniera ineluttabile quando, disobbedendo al padre, deciderà di intraprendere una relazione amorosa con il protestante anglosassone, non-greco e, per lo stupore dei Portokalos, vegetariano Ian Miller...
La proposta di matrimonio di lui manderà in frantumo i piani e le aspirazioni della famiglia della ragazza, trascinando il film in un vortice di avvenimenti comici e brillanti patinati da un'acuta vena creativa che segnerà la pellicola di quel senso a volte scomodo, a volte d'ostacolo che una grande famiglia può dare.

Scene di cucina, cibo, pranzi, cene non mancano, anzi sono proprio loro a determinare il gusto tipico e addirittura privato che caratterizza i Portokalos. Famosa è la scena di presentazione delle due famiglie in cui i Miller per ringraziarli dell'invito portano ai calorosi e tradizionalisti ospitanti una cassata, peccato però che Maria, perfetta padrona di casa, abbia un problemino con la pronuncia del dolce...

Gli incassi al botteghino, il plauso di critica e pubblico, il successo internazionale si rivelano come prova che una buona sceneggiatura, una regia efficace e idee intelligenti alla fine vincono sempre.
(Francesca Conserva)

TITOLO DELLA RICETTA: Cassata 1 kg di ricotta, 400 g di zucchero, 4 dl di maraschino, 100 g di gocce di cioccolato fondente, 200 g di frutta candita mista, 400 g di pan di Spagna, 50 g di gelatina di albicocche, 100 g di pasta reale verde, 350 g di zucchero a velo, acqua q.b.



PROCEDIMENTO Riunire la ricotta in una terrina e mescolare con lo zucchero e il Maraschino fino ad ottenere un composto liscio e soffice, incorporare anche le gocce di cioccolato e la frutta candita tagliata a dadini. Tagliare il disco di Pan di Spagna in due parti in senso orizzontale. Foderare una tortiera del diametro di 22 cm con carta da forno, spennellare con la gelatina di albicocche e ricoprire con un disco di pan di spagna. Distribuire la crema di ricotta nello stampo e adagiare sulla superficie il restante pan di spagna. Trasferire in frigorifero per due ore. Capovolgere la cassata su un piatto da portata. Adagiare sui bordi i quadrotti ricavati dal pan di spagna, alternati a quelli di pasta reale verde. Preparare la glassa bianca mettendo in un pentolino lo zucchero a velo assieme a poca acqua. Non appena inizierà a sobbollire, glassate la cassata partendo dal centro e aiutandovi con una spatola. Decorare a piacere con la frutta candita. Lasciare riposare in frigo per altre 2 ore.
Servire bel fredda.


CITAZIONE DEL FILM Ahh è una torta, ma certo. Grazie, grazie, molte, molte grazie!
Ma c'è un buco in questa torta...

SULLE NOTE DI... Stalia, Stalia di Alexandros Xenofontoscon un sottofondo musicale ... greco iniziate a preparare la vostra cazz ... cassata !

Nessun commento:

Posta un commento