domenica 15 gennaio 2017

Gennaio e le polpette di pane

"Giano, Dio di tutti gli inizi" così  Ovidio lo  invocava: "Giano bifronte, che l'anno cominci scorrente e silenzioso, solo tra i numi, vedi dietro"
Infatti Giano lo si rappresenta con due volti, uno barbuto e vecchio, l'altro giovane.
La sua funzione era quella di presiedere agli inizi, alle soglie e ai passaggi da un periodo all'altro.
Dal suo nome costruito sulle lettere y-a  deriva ianua che significa porta, a cui corrisponde in sanscrito yana ovvero via.

A Giano è dunque dedicato il mese che per tradizione secondo il calendario segna l'inizio  dell'anno. Quello dei buoni propositi e dei nuovi progetti e siccome noi a Maison Lizia siamo sempre in fermento abbiamo già qualche progetto da presentarvi come la nostra nuova pagina Wellness con i consigli per restare sempre in forma con una sana alimentazione. 
Gennaio, mese di inizi dunque, ma anche  mese dedicato al riposo della natura, ai silenzi, al grande freddo e... mai come quest'anno Gennaio è stato fedele a se stesso e con la grande nevicata ha prolungato le nostre vacanze natalizie, costringendoci dolcemente al riposo.
Devo dire che è stata una settimana regalata con i candidi fiocchi che cadevano, il silenzio della natura e del gelo che ha paralizzato la vita quotidiana di un intero paese, che ha paralizzato il paesaggio della nostra terra. Tutto bianco a volerci ricordare di avere pazienza, così come la terra in questo periodo dell'anno che poi rinasce e ci viene restituita con i suoi colori a primavera.
Pazienza, attesa, e rifugiati nel tepore della nostra casa, con il tempo che sembra rallentato abbiamo dato fondo alle provviste della dispensa, l'abbiamo ripulita dal pane raffermo facendo nascere le polpette da tuffare in un caldo brodo. Ma ci siamo anche coccolati sul divano sorseggiando tisane calde, scrivendo post e nuove ricette. 
Grazie Gennaio per questo tempo regalato che ci ricordi che non siamo i padroni del tempo e che domani e il futuro, cosi come per una buona zuppa, sono da rimestare!



POLPETTE DI PANE Per le polpette: 250 g di pane raffermo, 120 g di latte, 3 uova, sale
Per il brodo: 1 lt di acqua, 200 g di spinaci, sale, 1 carota, sedano, cipolla



PROCEDIMENTOTritare grossolanamente il pane. Sbattere le uova in una ciotola con un pizzico di sale, unire il latte e il pane e mescolare il composto con una mano per renderlo omogeneo. Far riposare mezz'ora, quindi fare le polpette.
Preparare il brodo vegetale, eliminare gli odori e tuffare le polpette, cuocere per 20 minuti e solo cinque minuti prima della fine della cottura aggiungere gli spinaci.


VINO CONSIGLIATO: Tokai Un vino bianco, pieno, consistente e deciso. Tipico del Friuli è il perfetto abbinamento.


CURIOSITA' E' un piatto povero, della cucina del riuso, Per il Trentino Alto Adige è il piatto tipico ed emblematico detto "canederli" della grandezza massima di 8 cm. Si cucinano in tanti modi: con spek, formaggio, funghi, erba cipollina, pancetta...



Nessun commento:

Posta un commento