venerdì 14 luglio 2017

Caseificio Montrone: il nostro menù estivo al sapore di Puglia

Metti che sono le 17.00 di un pigro pomeriggio d'estate, suonano alla porta e ti consegnano un pacco, quello che fino a qualche minuto prima era ozio si trasforma in gioia per il dono ricevuto e in curiosità. Ti affretti ad aprire il pacco, ad estrarre ogni singola confezione con delicatezza e a immortalare con uno scatto e... qualche stories di instagram il momento.
Man mano che Eleonora "scatta" qualche foto, ecco che subito a me "scatta" la voglia da "buona pugliese" di assaggiare, di aprire ogni singola confezione per gustare queste bontà, ma "scatta" anche la voglia di cimentarmi in freshe ricette e deliziosi abbinamenti, dato che ogni singolo prodotto può diventare il protagonista assoluto di piatti colorati e leggeri, adatti alla stagione estiva.
In fondo ci vuole poco quando i prodotti sono d'eccellenza, quando raccontano la nostra terra, i suoi sapori e le nostre tradizioni.
Avete ragione, ancora non vi ho svelato il contenuto del pacco:

- ricotta voluttuosa e vellutata per il palato come se fosse seta
- treccia bianca come porcellana
- candide burratine con un cuore morbido e cremoso che racchiudono teneri sfilacci da assopare
- scamorza con la sua tipica "goccia di latte" che la contraddistingue
- intriganti bastoncini affumicati

Prodotti nati nel Caseificio Montrone dalle mani di esperti Maestri Casari  con passione e con il rispetto per la tradizione.
Prodotti che abbiamo gustato e assoporato, godendo appieno della loro freschezza, del loro intenso gusto di latte, della cremosità della panna della burratina. Una gioia per i sensi, una gioia per il palato!
Prodotti che hanno impreziosito le nostre semplici ricette.


Caseificio Montrone Nasce ad Andria negli anni '50, una passione senza fine con principi fondamentali che hanno portato alla crescita di un marchio: esperienza, intuizione e qualità. Infatti, il "Caseificio Montrone" è costantemente impegnato per l’attenzione alla qualità, principio fondamentale, in cui si opera il giusto mix tra tecnologia e tradizione creando un connubio tra la lavorazione manuale e l’utilizzo di sofisticate attrezzature, donando ad ogni singolo prodotto una particolarità senza confronti.



La Burrata Espressione di un territorio la possiamo considerare la "Regina di Andria".
Formaggio fresco ottenuto da latte vaccino, con uno strato esterno di pasta filata che racchiude un cuore morbido di panna e sfilacci di mozzarella.
Nata agli inizi del '900 e come tutte le cose "prelibate", nata dall'intuizione di un casaro che a causa di una forte nevicata rimase bloccao in una masseria. Non potendo scendere in paese per consegnare il latte, che fare? Cominciò la "cagliata" e per conservare i frutti del suo lavoro racchiuse in un guscio filato altrettanti sfilacci di pasta filata miscelata a della panna, chiuse il saccottino con un filo di paglia e come tutte le bontà nate per caso ecco nata la "burrata".


Le nostre proposte dal "sapore estivo" Ci siamo lasciate ispirare per gustare in ogni piatto la genuità dei prodotti. Piatti semplici, da gustare in compagnia o per farsi compagnia. Dall'antipasto al dolce: un ricco menù firmato Montrone

- millefoglie di verdure con bastoncini di scamorza affumicata
- la più classica delle insalate estive: fantasia di pomodorini per accompagnare la burrata
- l'insalata sfiziosa sposa invece la frutta, il teccione su un letto di misticanza
- pappa al pomodoro con sfilacci di burrata
- pasta con pomodorino infornato, traccia e limone
- perfetto per l'aperitivo:waffel con avocado, pomodori e scamorza
- e per dolce... semplicemente ricotta affogata al caffè







Le ricette 
- Millefoglie di verdure e bastoncini di scamorza affumicata
1 confezione di bastoncini affumicati "Montronella" , zucchine, melanzane, pomodori Sam Marzano, formaggio grattuggiato, pan grattato, prezzemolo, sale, pepe, olio evo

Preparare una panur con il pangrattato, il formaggio e il prezzemolo tritato, cospargere sulle fette di pomodoro e infornare per 15 minuti.
Grigliare le fette di zucchina e di melanzane e solo all'ultimo i bastoncini affumicati.
Proseguire quindi all'assemblaggio delle millefoglie. servire con un filo d'olio evo.


- Pappa al pomodoro con sfilacci di burrata
2 Burratine "Montronella"1 cipolla, olio evo, basilico, 400 g di pane raffermo, sale, pepe, 500 g di salsa di pomodoro, brodo vegetale q.b. 

In una casseruola far stufare la cipolla nell'olio evo, far rosolare quindi i dadini di pane raffermo, coprire con il brodo e far cuocere per 5 minuti, aggiungere la salsa e completare la cottura fino a raggiungere la consistenza della classica "pappa". Gustare di sale e pepe e servire con un filo d'olio evo, basilico e la burratina "Montronella" sfilacciata.


- Pasta con pomodorino infornato, treccione "Montronella" e limone
700g di pomodori San Marzano, 1 limone, olio evo, origano, basilico, 1 spicchio d'aglio, treccione "Montronella"

In una pirofila da forno adagiare i pomodori a fette, coprire con un filo d'olio evo, foglie di basilico, una spolverata di origano e una grattuggiata di buccia di limone e lo spicchio d'aglio. Infornare per 20 minuti, passare al minipimer e usare con condire la pasta che andremo a servire con il treccione sfilato, basilico e una grattugiata di buccia di limone bio.

- Ricotta affogata al caffè
200 g di ricotta "Montronella", 2 cucchiai di zucchero a velo, sambuca, caffe espresso freddo, biscotti q.b, cannella

Sbriciolare i biscotti (noi abbiamo usato i Caveosi con gocce di cioccolato di #dileo) e coprire con essi il fondo dei bicchierini.
Lavorare a crema la ricotta con lo zucchero e la sambuca (a dire il vero la ricotta "Montronella" è cosi buona e vellutata che si potrebbe usare anche così) mettere nella sac à poche e far cadere degli spuntoni sui biscotti, a questo punto affogare con il caffè... se preferite una tazza di espresso caldo per ogni bicchiere o freddo! Completare con una spolverata di cannella.




Nessun commento:

Posta un commento