Maison Lizia
bocconotti
Ricette,  Ricette dolci

Bocconotti per Ricette tra le righe

La ricetta dei bocconotti, ispirata al libro Una ricetta per la felicità di Chiara Curione per il corso di cucina Ricette tra le righe

Quando l’anno scorso mi è stato chiesto il tema del corso del nuovo anno accademico, non ho avuto dubbi, ho subito proposto Ricette tra le righe.

Nei miei canali social ho sempre proposto letture di romanzi con l’hashtag libri a merenda o ti consiglio un libro, quindi mi è sembrato naturale proporre la lettura di romanzi all’interno del corso.

Eravamo in piena pandemia e proporre una lista di libri da adottare e leggere mi è sembrato opportuno perché come scriveva Umberto Eco

Chi non legge, a 70 anni avrà vissuto una sola vita: la propria. Chi legge avrà vissuto 5000 anni.

Obiettivo del corso è cogliere attraverso la lettura dei romanzi la bellezza del cibo e delle emozioni che esso suscita.

Perchè, ogni racconto, ogni libro, ogni scena che parla di cibo, racconta di un pezzetto di una società con le sue tradizioni, usi e costumi.

Ingredienti, pietanze, ricette, storie che diventano protagonisti e a volte vere e proprie icone della letteratura, del cinema, delle serie tv.

In questi anni … quanti 7-8?

Ho sempre pensato ai corsi Ute come a un viaggio da fare insieme, obiettivo fin dall’inizio non è mai stata la ricetta in sé, ma quello che la ricetta comunicava.

Ed ecco nati dei corsi storici come I sapori nella soffitta della memoria, dove siamo partiti proprio da un libro Il diavolo e la rossumata di Sveva Casati Modignani per scrivere il nostro libro, con i ricordi delle corsiste.

In tutti i viaggi fatti insieme, l’elemento comune è stato sempre la storia, le tradizioni, la cucina che salva, i ricordi, le emozioni che il cibo suscita e l’amore, che ha portato alla nascita del libro 

A tavola con amore – una ricetta per ogni emozione-

Elementi o per attenerci al corso di cucina, ingredienti che abbiamo ritrovato in Ricette tra le righe.

Un viaggio cominciato dalla vicina Foresta di Mercadante con La casa nel bosco dei fratelli Carofiglio, un vero e proprio memoir gastronomico-sentimentale, che ci ha portato in Sicilia a casa Agnello con i ricordi di Simonetta Agnello Hornby, che ci ha fatto volare prima in Brasile per scoprire la sensualità del cibo in Dona Flor e i suoi due mariti e poi in Cile con Afrodita di Isabelle Allende, che a Natale, ci ha fatto accomodare in una locanda francese con Gli ingredienti segreti dell’amore.

Un viaggio che ci ha svelato la magia del cibo con Chocolat e delle emozioni che si passano attraverso la preparazione dei piatti con Dolce come il cioccolato di Laura Esquivel.

Un viaggio che questa sera con Una ricetta per la felicità di Chiara Curione, ci riporta in Puglia, nella vicina Gioia del Colle, con le ricette della nostra tradizione, dove scopriremo ancora una volta il potere del cibo e dei ricordi, non mi voglio dilungare perché questa sera abbiamo l’autrice che ci racconterà di questa ricetta particolare e di questa saga familiare che racconta di personaggi che diventano subito a noi familiari.

Ispirata dal libro ho realizzato per Ricette tra le righe i Bocconotti, tipica ricetta pugliese.

La ricetta: bocconotti con pasta di mandorle

Difficoltà: facile
Tempo: 10 minuti di preparazione + 15 minuti di cottura 

Ingredienti:

  • pasta frolla 300 g
  • mandorle pelate 250 g
  • zucchero semolato 200 g
  • acqua 100 g (1 bicchiere)
  • scorza grattugiata di 1 limone
  • cannella q.b.
  • marmellata di amarene
  • 1 uovo
  • zucchero fondente “gilep”
  • ciliegine rosse

Procedimento:

Seguendo i consigli e la ricetta che trovate nella sezione Scuola di cucina, preparate la pasta frolla, stendetela allo spesso di 3 mm. e coppatela secondo la misura dei vostri stampini.
Con i rebbi di una forchetta bucherellate la base e farcite con la pasta di mandorle preparata in precedenza.
Aggiungete mezzo cucchiaino di marmellata di amarene, chiudete con altra pasta frolla e cuocete in forno caldo a 180°C per 15 minuti.
Sfornate, lasciate raffreddare, sformate quindi i bocconotti e ricoprite la loro superfice con lo zucchero fondente sciolto.
Decorate i vostri bocconotti alla pasta di mandorle con mezza ciliegina rossa.

Come preparare la pasta di mandorle per farcire i bocconotti

Frullate le mandorle ben asciutte fino a ridurle in farina.
Portate a ebollizione l’acqua con lo zucchero, portando la preparazione alla temperatura di 121°C – lo sciroppo deve fare filo- aggiungete le mandorle macinate, profumate con la scorza del limone e la cannella.
Fate cuocere per una dieci minuti mescolando, fino a quando l’impasto risulta compatto e omogeneo.
Lasciate raffreddare la pasta di mandorla, quindi aggiungete l’uovo, mescolate per ben amalgamare l’impasto e usatelo per farcire i bocconotti.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.