Maison Lizia
Life style,  Ricette,  Ricette salate

Naturalis Bio Resort: dalla natura alla tavola

Naturalis Bio Resort: dalla natura alla tavola per una cucina che affonda le sue radici nella tradizione e diventa gourmet. 

Appena varcata la soglia del Naturalis Bio Resort, nel cuore della Grecia Salentina, ti rendi conto che stai per lasciare tutte le zavorre dietro di te per entrare in connessione con la natura circostante e con il tuo vero io.

Il cancello si chiude e mentre percorri il viale d’ingresso, la vista si perde nei filari di vigneti mentre il profumo di lavanda, rosmarino, salvia, zagare ti inonda e inebria.

Ad accoglierti un attento staff che da quel momento in poi ti prende in custodia per coccolarti in ogni momento del tuo soggiorno.

Il Resort è situato all’interno di una grande azienda agricola che si estende su una superficie di ben 16 ettari, nasce dalla visione green di Domenico Scordari che ben 31 anni fa ha fondato la N&B, (https://www.maisonlizia.com/step-by-step-come-nascono-i-prodotti-nb/ ) azienda per la produzione di cosmetici a base di aloe vera ed estratti naturali ricavati dalle piante coltivate proprio in questi terreni.

In origine era un antico borgo contadino risalente al XVIII secolo che Domenico insieme a sua moglie Marinella hanno restaurato seguendo i dettami della bioarchitettura e i principi ecosostenibili per la salvaguardia dell’ambiente circostante.

Al Naturalis Bio Resort l’uomo incontra la natura per rigenerare il corpo e la mente attraverso i rituali e i massaggi nella Spa, con una passeggiata fra le erbe aromatiche e a tavola in un viaggio culinario alla scoperta dei piatti della tradizione sapientemente rivisitati dallo chef Francesco Paladino, curatore della sua terra e dei prodotti che daranno vita ai suoi piatti.

Illustrando la sua cucina a km O la definisce “emozionale” poiché ispirata al concetto di “cibo puro per la pelle”, ovvero non solo proposte culinarie gourmet legate alle tipicità gastronomiche del territorio salentino, ma anche una varietà di piatti con base piante officinali e aloe vera della Tenuta Agricola.

Quattro gli ingredienti protagonisti che caratterizzano sia la cucina e i rituali Naturalis che i prodotti N&B: aloe vera, olio, vino, grano.

Ingredienti tipicamente mediterranei coltivati nella Tenuta che diventano anche esperienza in vacanza per sposare a 360° il concetto di “siamo quello che mangiamo”.

Le ricette Naturalis firmate dallo chef Francesco Paladino

Caprese rivisitata

Ingredienti per 5 pax:

  • 5 pomodori ramati di media dimensione
  • 3 bocconcini di mozzarella da 80 gr
  • 200 gr di stracciatella fresca
  • 20 foglie di basilico fresco
  • Olio evo, sale e pepe

Per la decorazione:

  • Cipolla rossa
  • 5 fette di focaccia

Procedimento

Incidere i pomodori ramati con una croce sulla parte posteriore.
Sbollentarli per 50 secondi, raffreddarli  in acqua e svuotarli con l’aiuto di uno scavino.

Tagliare la mozzarella, unire con la stracciatella e metà del basilico e  condire tutto con un pizzico di sale, pepe e olio evo. Farcire i pomodori con il composto ottenuto. Comporre il piatto adagiando il crostone di focaccia, il pomodoro ramato e le fette di cipolla.

Frisella rivisitata con pomodori San Marzano bio cotti in forno, cipolla rossa appassita e cicoria cresta saltata in padella.

Ingredienti per 5 persone:

  • 4 friselle di grano duro Senatore Cappelli
  • 10 pomodori San Marzano
  • 3 spicchi d’aglio
  • Olio al peperoncino
  • 2 cipolle rosse
  • 1/2 kg di cicoria cresta
  • Olio evo, sale e pepe

Procedimento

Per bagnare la frisella:

Incidere la metà dei pomodori e metterli in acqua bollente 30/40 secondi; raffreddarli in acqua e ghiaccio, togliere la pelle e togliere i semi con un cucchiaio. Frullare in un frullatore a bicchiere ed emulsionare con olio evo e gustare di sale e pepe. Tagliare ad 8 i restanti pomodori e posizionare in una placca condendo con olio, sale, pepe e 2 spicchi d’aglio. Coprire con carta stagnola e cucinare in forno per 20 minuti a 200°.

Per la cipolla appassita: Tagliare le cipolle a rondelle dello spessore di 1 cm, condire con olio, sale e pepe, posizionare in una placca e infornare a 200° per 20 minuti sempre coperte con carta stagnola.

Per le cicorie creste:

Mondare le cicorie e lavare in abbondante acqua e bicarbonato e cuocere in acqua bollente precedentemente salata. Raffreddare in acqua e ghiaccio, scolare e strizzare bene per eliminare l’acqua in eccesso. A questo punto saltare le cicorie in padella con olio d’oliva, uno spicchio d’aglio in camicia e un filo di olio al peperoncino(per un po’ di sprint) lasciar raffreddare.

Per la frisella:

Rompere in maniera grossolana e mettere in una bowl; prima di servirla bagnarla con l’acqua di pomodoro ottenuta in precedenza.

Composizione:

Con l’aiuto di un coppa pasta formare una torretta con la frisella, adagiare i pomodori cotti e le cipolle, formare un nido con la cicoria, aggiungere olio evo e pepe. La frisella è pronta per essere servita!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *